Giovedì 31 marzo 2011

 

I punti iscritti all’ordine del giorno son parecchi,ma il punto essenziale è il n.8:

Bilancio previsione esercizio 2011 – Bilancio previsione esercizio 2011/2013.

Il bilancio del nostro Comune pareggia sulla cifra di circa € 2.300.000.L’assessore al Bilancio legge un susseguirsi di cifre,la minoranza si sofferma spesso sulle voci in capitolo,chiedendo spiegazioni ed approfondimenti.

Per il completamento di opere già progettate (impianti sportivi),per nuove opere (edilizia scolastica,riqualificazione di un tratto di marciapiede di via Provinciale Piasco,potenziamento e manutenzione impianti di illuminazione pubblica) si prevede l’accensione di mutui per la “modica” cifra di € 270.000.
Il finanziamento statale di € 100.000 per l’edilizia scolastica,tanto propagandato sui settimanali locali non compare nel bilancio preventivo. Perchè? Non si è certi del suo arrivo dal governo centrale. Non ci resta che sperare ….

L’approvazione del bilancio passa con l’astensione dei componenti della minoranza .

Il bilancio determinerà il futuro di Venasca,un paese in agonia…

Ciò che si programma ora ,potrebbe cambiare la realtà attuale.

Capisco che ,con il taglio generalizzato nella spesa pubblica,le risorse siano scarse,

quindi invito i nostri amministratori a sviluppare creatività e fantasia , semplici cose che possono portare grandi risultati al paese tutto,

al settore commerciale,turistico,sociale e non solo a “qualcuno”.

Giovanna Rinaudo

PDF: http://www.venasca.gov.it/file/getFile/Albo/98

(verbale deliberazione di giunta n° 14 – 25/02/2011)

 

Piano alienazioni 2011:

Edificio autorimessa – l’immobile si trova in via Ernesto Casavecchia 2 – interno cortile

 

Edificio ex bassa macelleria – Edificio autorimessa – l’immobile si trova in via Ernesto Casavecchia 2 – interno cortile

 

Per avere le delibere nella loro completezza si può visitare il sito del Comune: www.venasca.gov.it

(verbale deliberazione di giunta n° 15 – 25/02/2011)

 

Elenco Enti/Associazioni che espletano attività ed iniziative rientranti nei compiti di questo Comune e, pertanto, di interesse generale sulla base della sussidiarietà e

che quindi possono accedere ai contributi comunali:

 

Associazione Turistica Pro Loco

Associ azione Topinabò

Parrocchia M.V. Assunta

Pro Brossasco e Venasca A.S.D.

Pompieri del Monviso

Associazione Nazionale Carabinieri

Istituto Musicale Venasca Valle Varaita

Per avere le delibere nella loro completezza si può visitare il sito del Comune: www.venasca.gov.it

(verbale deliberazione di giunta n° 12 – 25/02/2011)

Si stabiliscono per l’anno 2011 le seguenti indennità mensili:

Dovetta Silvano Sindaco (lavoratore autonomo) – € 1.301,47

Nazer Piero – Vice Sindaco (pensionato) – € 260,29

Di Manso Francesco – Assessore (pensionato) – € 195,22

Gianaria Giampiero – Assessore (studente) – € 195,22

Marchetti Guido – Assessore (libero professionista) – € 195,22

Inoltre di rimborsare al Sindaco ed agli Assessori le spese di viaggio effettivamente sostenute per recarsi fuori dal capoluogo del Comune ove ha sede l’Ente per l’espletamento di incombenze e funzioni connesse con l’esercizio del proprio mandato elettorale.

Per avere le delibere nella loro completezza si può visitare il sito del Comune: www.venasca.gov.it

(verbale deliberazione di giunta n° 13 – 25/02/2011)

 

Si prevede che le sanzioni amministrative pecunarie (multe) per l’anno 2011 avranno un gettito di € 15.000,00 così suddivisi:

– € 3.000,00 art. 208 co. 1 c.d.s

– € 12.000,00 art. 142 co. 12 bis c.d.s. (autovelox?)

e saranno così destinati:

  • 8.500,00 per miglioramenti alla segnaletica stradale
  • 6.500,00 per assunzioni stagionali a progetto nonché al potenziamento dei controlli per la sicurezza urbana e stradale

    Per avere le delibere nella loro completezza si può visitare il sito del Comune: http://www.venasca.gov.it



“CON VENASCA NEWS”

12 marzo 2011

Da oggi (e quando ne avremo voglia e tempo), “Con Venasca” pubblicherà in modo semplificato e senza commenti alcune iniziative deliberate dall’Amministrazione Comunale.

Per avere le delibere nella loro completezza si può visitare il sito del Comune: http://www.venasca.gov.it

 

CELEBRAZIONI DEI 150 ANNI DELL’UNITA’ D’ITALIA – NOTTE TRICOLORE

(verbale di deliberazione di giunta n° 22 – 22/03/2011

Come da progetto per il territorio nazionale si aderisce alla “Notte tricolore” per la celebrazione dei 150 anni dell’unità d’Italia.

Tale progetto si svilupperà dalla serata del 16 marzo fino al mattino del 17 marzo. L’iniziativa coinvolgerà l’Istituto Comprensivo, la Parrocchia, gli alpini e la protezione civile secondo un programma pubblicizzato su una locandina distribuita nei negozi.

Di disporre che vengano forniti nuovi vessilli all’istituto Comprensivo e all’ufficio del Giudice di pace

Si ipotizza per dette iniziative un fabbisogno finanziario di € 1.500,00.

Per avere le delibere nella loro completezza si può visitare il sito del Comune: http://www.venasca.gov.it

LA MIA OPINIONE

12 febbraio 2011

Cari amici e non,

dopo tutto il dire e fare di questi giorni voglio dire anche io la mia…

Stamattina, sorseggiando un caffè, mi ha messo di buon umore l’articolo della Stampa che parla del Consiglio Comunale Venaschese di giovedì scorso.

Come tutti sanno la minoranza con motivazione scritta, un solo punto all’Ordine del Giorno sembrava un pò poco, non si è presentata alla seduta e il buon Dovetta ha subito voluto rispondere ai suoi avversari politici.

Dopo 15 mesi bruttissimi l’ex-sospeso proprio non poteva più stare lontano dalla vita amministrativa, a suo dire proprio non poteva più stare un mese senza carica di Sindaco (per altro legittima) e quindi si è pensato di convocare un Consiglio per poterlo fare ritornare a tutti gli effetti primo cittadino.

L’intervista continua con Silvano che, come già fatto in Consiglio Provinciale lunedì, critica chi nei mesi della sospensione gli ha ricordato più volte la sua condanna in primo grado e gli ha portato numerosi attacchi e critiche.

A questo punto le mie conclusioni:

  • la minoranza non ha contestato la votazione sulla presa d’atto di sospensione, il tutto era dovuto, l’opposizione ha contestato, non presentandosi, la mancanza all’OdG altri punti come ad esempio: risposte ad interpellanze presentate a novembre, discussione sul bilancio preventivo (anche se il governo ha prorogato al 31/03 la presentazione di questo documento nulla vietava alla maggioranza di presentarne già una bozza e discuterla con l’opposizione, il tutto si chiama solo democrazia e confronto), discussione e presa di posizione del Consiglio per quanto riguarda la “Strada comunale o provinciale”, ecc ecc
  • per il “non più resistere di Dovetta” il Comune di Venasca dovrà pagare 16 € a testa per ogni consigliere presente come gettone di presenza, la minoranza alla luce dei fatti ha fatto risparmiare 64 € alle casse comunali.
  • gli attacchi in politica da parte dell’opposizione e di chi non la pensa come te sono la normalità, soprattutto se in maggioranza ci sono ombre come una condanna in primo grado, l’unico atto ufficiale della vicenda fino al 13 gennaio scorso, ricordo per l’ennesima volta che siamo in democrazia e che la costituzione all’art. 21 parla di libertà di pensiero e di parola.
  • povera segretaria un anno fa per non farla correre a Venasca in serata i Consigli erano convocati persino in mattinata, adesso anche di sera deve tornare.
  • si dice in paese che giovedì è stato pubblicizzato l’evento, la convocazione persino pubblicata sulla bacheca di piazza Caduti, telefonate varie…  Ci saranno ancora  tutti i supportes di giovedì quando il Consiglio voterà decisioni importanti… ???

Madala Maurizio

PS: per la traparenza in amministrazione, anche se di minoranza, riporto le motivazioni ufficiali presentate del gruppo “Insieme si può” a giusticare l’assenza del 10/02/2011

Comune di Venasca

Gruppo consiliare « Insieme si può »

Ai colleghi del Consiglio Comunale

Alla Segretaria del Comune di Venasca

Con la presente intendiamo comunicare che il Gruppo di minoranza nella sua totalità si asterrà dal partecipare alla seduta straordinaria del Consiglio Comunale di Venasca fissata per il 10 febbraio prossimo e avente come Ordine del Giorno il solo punto seguente:

  1. Sentenza di assoluzione nr. 1191/04 del 13/01/2011 emessa dalla Corte di Appello di Torino – Sez. I Penale nei confronti del sig. Silvano DOVETTA – Sindaco del Comune di Venasca – Comunicazione ai sensi dell’art. 59 co. 5 del D.Lgs. 18/08/2000 n. 267.

La nostra assenza è legata ad alcune considerazioni che illustriamo qui di seguito:

1)      Convocare un Consiglio inserendo un solo argomento all’OdG ( una comunicazione, per quanto importante,della quale siamo a conoscenza da circa un mese ) ci sembra un’operazione oziosa. Non ravvisando carattere di urgenza per la convocazione di un Consiglio comunale, riteniamo che si sarebbero potuti inserire nell’Ordine del Giorno altri punti che  verranno trattati in un prossimo Consiglio in data probabilmente ravvicinata.

2)      Per le ragioni di cui sopra, la duplice convocazione di un Consiglio comunale risulta economicamente dannosa per le casse comunali, dovendosi corrispondere per due volte i gettoni di presenza. Si tratta di una cifra di poco rilievo, ma in tempi di ristrettezze economiche sarebbe buona prassi che le Amministrazioni dessero l’esempio, evitando di mal utilizzare il denaro pubblico.

3)      Infine, intendiamo criticare la scelta dell’orario di convocazione. Per quanto si tratti di una prerogativa esclusiva della Giunta, lamentiamo la forte parzialità della scelta in relazione alle abitudini fino a questo momento palesate dall’Amministrazione.

Due soli consigli sono stati convocati in seduta serale, quello dell’insediamento dell’attuale Amministrazione e quello immediatamente successivo. Per il resto tutti i Consigli sono stati convocati in orario antimeridiano oppure, dopo esplicita presa di posizione della minoranza, nel tardo pomeriggio.

Il Consiglio in cui è stato discusso il provvedimento di sospensione a carico di Silvano Dovetta è stato convocato alle 10,00 del mattino, in modo da limitare il più possibile la presenza del pubblico venaschese. (in quel Consiglio Comunale gli argomenti all’OdG furono 4).

Al contrario, il Consiglio che pone al centro la riammissione del Sindaco in seno all’Assemblea consiliare viene convocato alle ore 20,30, cosicché il pubblico eventualmente interessato possa partecipare senza difficoltà legate all’orario lavorativo.

Sottolineando questa lampante parzialità, ricordiamo che il Consiglio comunale è il momento cardine della vita amministrativa e che dovrebbe configurarsi come luogo della rappresentatività collegiale, del dibattito e della deliberazione, e non come strumento propagandistico piegato agli interessi della maggioranza.

Chiediamo che la presente dichiarazione venga allegata alla documentazione del Consiglio Comunale in questione.

Cordiali saluti.

Venasca, lì 10/02/2011                                                                      Il capogruppo della Lista

″Insieme si può″

COMUNALE O PROVINCIALE 2

24 gennaio 2011

Cari amici e non,

la Provincia di Cuneo, centrodestra+lega, per risparmiare, intende dismettere le strade Rossana-Venasca e Venasca-Brossasco caricandone i problemi e i costi di manutenzione e sgombero neve ai Comuni.

E questo già il sottoscritto l’ aveva evidenziato in un post del 17 dicembre scorso.

Da allora vediamo insieme cosa è cambiato:

  • il comune di Rossana ha duramente replicato alla Provincia con un secco no alla proposta durante un Consiglio Comunale pre-natalizio.
  • il vice-sindaco di Venasca intervistato dalla “Gazzetta di Saluzzo” ha dichiarato: “…dobbiamo parlarne”.
  • sullo stesso giornale la settimana scorsa nelle lettere al direttore il PD dava segni di vita con la propria solidarietà ai comuni in,teressati mentre un esponente della Giunta Gancia ribadiva la scelta di Cuneo.
  • l’assessore Di Manso (responsabile del Bilancio) prima di Natale tranquillizzava la capogruppo di minoranza asserendo che se il tratto di strada in questione fosse passato a carico del Comune alla giunta non restava che chiudere (ma magari anche questa notizia è uno scherzo).

Ma amici siamo nel 2011 ed è tornato Dovetta, evvai!!!!

Ricapitoliamo per non indurre il lettore in uno sbaglio, magari non digerisco la pizza, ma non voglio fare rettifiche.

  1. la Gancia l’aveva scritto nel programma che voleva caricare questi costi di manutenzione strade ai comuni interessati.
  2. Dovetta ha sostenuto la Gancia.
  3. Dovetta e la sua Lista hanno portato a Venasca la Gancia il giovedì prima delle elezioni per campagna elettorale.
  4. Dovetta è stato sospeso anche in Provincia.
  5. Dovetta è tornato, o tornerà presto, sia come Sindaco sia come Consigliere Provinciale.

Alla luce di questi fatti mi viene da chiedermi se il programma della Gancia qualcuno a Venasca l’abbia letto prima di votarla (in stragrande maggioranza)? E se Dovetta adesso che ha posto in Provincia prenderà difesa delle casse Comunali Venaschesi?  A tal proposito è giusto ricordare che alcuni anni fa è stata sistemata la strada che collega Venasca al Santuario di Valmala via Bricco, zona Pian Madama per capirci, con l’intento che l’ntera strada Comunale del Bricco passasse sotto il controllo e soprattutto la manutenzione della Provincia.  Queste, se non erro, erano le promesse di un Presidente della Comunità Montana Valle Varaita.

Caro Silvano adesso posso rivolgermi direttamenre a te, per piacere prendi una decisione, assumendoti tutte le tue responsabilità politiche.

O con le casse Venaschesi o con quelle della Provincia?

Madala Maurizio

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.